VICKERS WELLINGTON MK.IA/C 1/72 LUNGH 272 mm
Review: 5 - "A masterpiece of literature" by , written on May 4, 2006
I really enjoyed this book. It captures the essential challenge people face as they try make sense of their lives and grow to adulthood.
Categorie
  • Spedizione gratuita
    a partire da 50 euro

VICKERS WELLINGTON MK.IA/C 1/72 LUNGH 272 mm

Disponibile: Disponibile
$51.81
  • Ordine entro

Il bombardiere medio più capace dell'epoca era il bimotore Vickers Wellington, che volò per la prima volta nel 1936 ed entrò in servizio della RAF con lo squadrone n. 99 a Mildenhall nell'ottobre 1938. L'aereo di produzione somigliava poco al prototipo dell'aereo e rispetto ai contemporanei Bombardieri medi già in servizio, il Wellington sembrava essere molto più avanzato nella progettazione e un aereo temuto da qualsiasi potenziale nemico. Il suo elegante design monoplano e il pesante armamento difensivo collocano il nuovo Wellington come uno dei bombardieri medi più avanzati e capaci al mondo.

Forse la caratteristica più significativa del progetto Wellington è stata l'adozione di un metodo di costruzione geodetico, sviluppato dal famoso ingegnere e inventore britannico Barnes Wallis. Le travi a W in duralluminio sono state utilizzate per formare una struttura a traliccio metallico su cui sarebbero stati avvitati listelli di legno, che avrebbero poi consentito di fissare il rivestimento esterno in tessuto drogato dell'aereo. 

La fusoliera risultante era relativamente leggera ma possedeva una grande forza e mentre il metodo di costruzione rappresentava una sfida per le aziende impegnate nella produzione di bombardieri Wellington, la forza intrinseca si rivelò cruciale quando l'aereo fu lanciato in combattimento. 

Capaci di resistere a notevoli danni in battaglia, numerosi Wellington della RAF riuscirono a riportare a casa i loro equipaggi, quando gli altri bombardieri non sarebbero riusciti a farlo.

Il bombardiere medio più capace dell'epoca era il bimotore Vickers Wellington, che volò per la prima volta nel 1936 ed entrò in servizio della RAF con lo squadrone n. 99 a Mildenhall nell'ottobre 1938. L'aereo di produzione somigliava poco al prototipo dell'aereo e rispetto ai contemporanei Bombardieri medi già in servizio, il Wellington sembrava essere molto più avanzato nella progettazione e un aereo temuto da qualsiasi potenziale nemico. Il suo elegante design monoplano e il pesante armamento difensivo collocano il nuovo Wellington come uno dei bombardieri medi più avanzati e capaci al mondo.

Forse la caratteristica più significativa del progetto Wellington è stata l'adozione di un metodo di costruzione geodetico, sviluppato dal famoso ingegnere e inventore britannico Barnes Wallis. Le travi a W in duralluminio sono state utilizzate per formare una struttura a traliccio metallico su cui sarebbero stati avvitati listelli di legno, che avrebbero poi consentito di fissare il rivestimento esterno in tessuto drogato dell'aereo. 

La fusoliera risultante era relativamente leggera ma possedeva una grande forza e mentre il metodo di costruzione rappresentava una sfida per le aziende impegnate nella produzione di bombardieri Wellington, la forza intrinseca si rivelò cruciale quando l'aereo fu lanciato in combattimento. 

Capaci di resistere a notevoli danni in battaglia, numerosi Wellington della RAF riuscirono a riportare a casa i loro equipaggi, quando gli altri bombardieri non sarebbero riusciti a farlo.

La legge (DL 22/05/99. n.185) le garantisce il diritto di recedere, per qualsiasi motivo, dal contratto d'acquisto. Per esercitare tale diritto, riservato alle persone fisiche, escludendo percio' gli acquisti effettuati in rappresentanza di una societa', dovra' inviare a Modellismo Riccione una semplice comunicazione in tal senso, entro 14 giorni lavorativi dalla data di ricevimento della merce ordinata. La comunicazione della volonta' di recedere dall'acquisto dovra' pervenire tramite lettera raccomandata con avviso di ricevimento, indirizzata a Modellismo Riccione, via Giuseppe Verdi 16,47838 Riccione (RN), che si intende spedita in tempo utile se consegnata all'ufficio postale accettante entro il termine di cui sopra. La comunicazione puo' essere inviata anche mediante telegramma o fax, spediti entro i 14 giorni previsti dal termine, a condizione che sia confermata con lettera raccomandata con avviso di ricevimento entro le 48 ore successive. A questo punto dovra' solo attendere comunicazione, da parte di Modellismo Riccione, sulle modalita' di rientro del bene acquistato e procedere alla sua restituzione, entro le 48 ore successive.

Il diritto di recesso e' comunque sottoposto alle seguenti condizioni:

  • Per avere la restituzione dell'intero importo del materiale occorrera' che il bene acquistato rientri presso di noi totalmente integro e restituito nell'imballo originale, senza che esso sia stato mai aperto, e comprensivo di eventuale documentazione e/o accessori.
  • Se il bene verra' tolto dall'imballo o provato, Modellismo Riccione, al momento del ricevimento della merce la valutera' e provvedera' al rimborso al netto del deprezzamento causato dalla condizione usato della merce, e degli eventuali danni o manomissioni da essa subiti. A norma di legge, le spese di spedizione saranno a suo carico.

    Fatte salve eventuali spese di ripristino per danni accertati alla merce, Modellismo Riccione provvedera' a rimborsarle entro i termini di legge (30 giorni lavorativi) l'intero importo gia' pagato (importo totale del materiale ordinato), con valuta bancaria in ogni caso non superiore al quindicesimo giorno lavorativo a partire dalla data di ricevimento della comunicazione di recesso. Sara' sua cura fornirci tempestivamente le coordinate bancarie sulle quali ottenere il bonifico (Cod. ABI - CAB - Conto Corrente dell'intestatario.
  • Customer Reviews

    Be the first to write a review
    0%
    (0)
    0%
    (0)
    0%
    (0)
    0%
    (0)
    0%
    (0)